Chi l'ha detto che un testo dev'essere letto dall'inizio alla fine? Ci possono essere diverse strategie di lettura ognuna finalizzata al raggiungimento di un particolare obiettivo. Leggi velcoe come una lepre oppure analiticamente a passo di tartaruga. Scopri le strategie più funzionali ai tuoi obiettivi alcune!

 

Come i buoni lettori sanno il fine ultimo della lettura è la comprensione (De Beni et a.l, 2003). Abilità di decodifica, caratteristiche di espressività e rispetto della punteggiatura, identificati anche dai bambini molto importanti (es. Pazzaglia et al, 1994), sono in realtà al servizio della comprensione.

Tuttavia, ci possono essere diversi modi di leggere, ognuno dei quali finalizzato a raggiungere un preciso obiettivo. Ecco di seguito alcune strategie di lettura:

  1. Lettura esplorativa: utile quando si prende in mano per la prima volta un testo, consiste nel leggere titoli, parole in risalto, tabelle e didascalie cercando di farsi un’idea generale dell’argomento e ricollegarlo alle proprie conoscenze;
  2. Lettura rapida: è la prima lettura del testo dove i contenuti vengono letti velocemente verificando se l’idea che ci eravamo fatti era giusta. Permette di migliorare l’integrazione tra vecchie e nuove conoscenze;
  3. Lettura selettiva: lettura a salti, dove si ricercano particolari informazioni all’interno del testo o si ritorna su frasi poco chiare o importanti;
  4. Lettura analitica: caratterizzata da lentezza e attenzione, è la lettura che permette di andare a fondo nell’argomento ed è molto utile quando lo scopo è imparare. Viene utilizzata di solito quando il testo tratta argomenti nuovi o particolarmente complicati.

Le diverse strategie di lettura, come si sarà intuito, non sono una migliore dell’altra ma rispondono come già detto al raggiungimento di obiettivi diversi. Con l’esercizio le strategie di lettura diventano sempre più veloci ed automatiche, utilizzale durante il tuo studio!

Bibliografia:

De Beni R., Cornoldi C., Gruppo MT e Vocetti C. (2003). Nuova guida alla comprensione del testo. Trento: Edizioni Erickson

Pazzaglia, F., De Beni, R., Cristante, F. (1994). Prova di metacomprensione. Firenze: Organizzazioni Speciali.

.

Categorie Blog

  • Attualità

    Riflessioni sulle ultime notizia da una prospettiva psicologica cognitivo-comportamentale

  • Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA)

    Strategie didattico-psicoeducative da usare a casa ed a scuola per aiutare i bambini con DSA

  • Educazione

    Suggerimenti e tecniche provenienti dalla ricerca sperimentale da usare con figli e studenti.

  • Dentro la psicologia

    Un viaggio all'interno di una disciplina tanto affascinante quanto poco conosciuta tra grandi personaggi e grandi teorie.

  • Studiare meglio

    Dedicato a tutti gli studenti che vogliono migliorare nel loro metodo di studio.

  • ADHD e difficoltà di comportamento

    Strategie e cause dell'ADHD e di altri disturbi del comportamento

  • Stare meglio con sé e con gli altri

    Tecniche di gestione emotiva e comportamentale tra modelli di crescita personale e di assertività.

  • Comunicazione e assertività

    Comunicare in modo efficace con gli altri ed diventare persone assertive

  • Recensioni

    Recensioni di Film, serie Tv, libri, fumetti, videogiochi... qualunque cosa che si presti ad una recensione da parte di uno psicologo!

  • Covid-19 e quarantena

    Difficoltà e disturbi da quarantena e strategie cognitivo-comportamentali per affrontarli

  • Disturbi psicologici nei bambini

    I bambini possono avere difficoltà psicologiche o veri e propri disturbi psicologici. È importante conoscere quali sono per poterne cogliere i segnali.

  • Disturbi psicologici

    Una descrizione dei principali disturbi psicologici riconosciuti dalla comunità scientifica con riferimenti bibliografici attendibili.

  • Relazioni di coppia

    L'amore e relazioni di coppia secondo una prospetiva cognitivo comportamentale (e non).